Wout Van Aert e Lucilla Brand conquistano la Coppa del Mondo Ciclocross a Overijse

Di GIANCARLO COSTA ,

Wout Van Aert conquista la Coppa del Mondo Ciclocross a Overijse (foto federciclismo)
Wout Van Aert conquista la Coppa del Mondo Ciclocross a Overijse (foto federciclismo)

La giornata di Coppa del Mondo Ciclocross di Overijse, quinta ed ultima tappa che chiude il calendario del challenge UCI e che anticipa la prova iridata in programma a Ostend (30/3 Belgio), si apre con la gara dedicata alle donne élite.
In ambito femminile, il podio parla solo olandese: Ceylin del Carmen Alvarado (portacolori del Team Alpencin-Fenix), già sul trono iridato ed europeo della categoria nel 2020, nonché fresca vincitrice ad Hamme, conquista il successo lasciando a 20” la connazionale Lucinda Brand, seconda al traguardo, e a 21” all’altra olandese Manon Bakker, terza all’arrivo e prima tra le U23. La prima tra le italiane in gara è Eva Lechner, 13^ a 1’41” dalla vincitrice.
Per le azzurre convocate dal CT Fausto Scotti una giornata complicata da un percorso durissimo che le vede oltre la ventesima piazza: Silvia Persico è 22esima (a 2’47”) seguita dall’italiana Alice Maria Arzuffi (23esima a +2’53”). Ben oltre l’azzurra élite Chiara Teocchi (40esima a oltre 6’) che con una partenza non al meglio, rimane invischiata nelle posizioni di retroguardia. Mentre, le U23 Gaia Realini e Francesca Baroni, che si sono misurate tra le élite, strappano rispettivamente la 26^ e 30^ posizione.

A confermarsi al vertice della classifica finale di Coppa, nonostante il secondo posto in quest’ultima prova, è l’olandese Lucinda Brand seguita dalla campionessa Alvarado e dall’altra olandese Denise Betsema. La prima delle italiane è Alice Maria Arzuffi, 12esima con 59 punti ed Eva Lechner 16esima con 42 punti. Nella classifica per Nazioni, dominata dall’Olanda (451 p.) con Belgio (148 p.) e Stati Uniti ( 129 p.) alle sue spalle, l’Italia è quarta con 113 punti.

Nella gara dedicata agli uomini élite è dominio, fin dal primo giro, del fuoriclasse e plurititolato Wout Van Aert che con 1’03” di distacco sull’olandese Mathieu Van Der Poel conquista il gradino più alto del podio confermandosi anche leader di Coppa del Mondo. A 2’07” e terzo sul podio, il britannico Thomas Pidcock. Per gli azzurri al via, un 24esimo e 25esimo posto rispettivamente di Jakob Dorigoni e Gioele Bertolini.

Fonte Federciclismo

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti