Transalp conclusa con una vittoria e tre podi azzurri

Di GIANCARLO COSTA ,

Podio_maschile alla Transalp 2011.jpg
Podio_maschile alla Transalp 2011.jpg

Riva del Garda (TN) – Si è conclusa sabato 23 luglio a Riva del Garda la 14^ CRAFT BIKE TRANSALP powered by NISSAN (GER), l’affascinante attraversamento delle Alpi in mountain bike a coppie in otto giorni di 674,51 chilometri e 21.776 metri di dislivello, partita sabato scorso da Mittenwald in Baviera. Gli atleti razzurri, in tutto 78 tra i 1100 partecipanti provenienti da 37 Nazioni, hanno terminato la Transalp conquistando una vittoria e tre podi. Nell’ultima tappa di 75,77 km e 2.162 metri di dislivello da Trento a Riva del Garda si è imposta la coppia Full Dynamix formata dall’altoatesino Mike Felderer e dal bergamasco Johnny Cattaneo.

Nella graduatoria generale, invece, la squadra SRMAX Autpolar Cannondale composta dal trentino Massimo Debertolis e dall’altoatesino Hannes Pallhuber, oggi quarta, è salita sul terzo gradino del podio, dietro ai vincitori svizzeri Urs Huber /Konny Looser e i secondo classificati franco-tedeschi Thomas Dietsch e Karl Platt.

"Siamo molto soddisfatti - dichiara Massimo Debertolis. Abbiamo vinto una tappa e come unica squadra siamo riusciti a portare via la maglia gialla ai vincitori svizzeri. La superiorità di Huber e Looser era schiacciante, soprattutto in salita” – afferma Hannes Pallhuber.

I vincitori Huber e Looser hanno terminato l’attraversamento delle Alpi in mountainbike in 24h02‘20“ staccando di 3’35” i secondo classificati Platt e Dietsch. Pallhuber e Debertolis hanno completato il percorso da Mittenwald a Riva in 24h16’03”.

Mike Felderer e Johnny Cattaneo oggi si sono invece congedati da una Transalp sfortunata con una vittoria di tappa e la quarta posizione nel ranking generale.

"Ci siamo messi d’accordo con i corridori della Stöckli, spiega Mike Felderer. Gli svizzeri erano più forti in salita e noi in discesa. Così ci siamo aiutati a vicenda. La vittoria odierna ci fa piacere, ma non riesce a compensare le sfortune di tutta una settimana. Dedichiamo la vittoria al nostro patron, l’ex- professionista in bici su strada Giovanni Battaglin che ieri ha compiuto gli anni.”

Sesta vittoria Transalp per Walter Platzgummer

L’ottava vittoria consecutiva di tappa di Walter Platzgummer e Silvano Janes nei Senior Master era una pura formalità. La coppia trentino-altoatesina si è aggiudicata la Transalp in 26h29’49” con un vantaggio di quasi due ore rispetto ai secondo classificati, gli austriaci Erich Pross e Erwin Dietrich. Per Platzgummer si tratta della quinta vittoria che si somma a quella ottenuta nella Transalp su strada assieme a Marco Poier nel 2010.

“L’attraversamento delle Alpi è stato abbastanza duro- afferma Silvano Janes. Abbiamo gestito la gara molto bene, anche perché avevamo un grande vantaggio sugli inseguitori. Abbiamo attaccato soprattutto nei primi giorni perché non conoscevamo bene i nostri avversari. Ogni anno diventa più difficile- spiega invece Walter Platzgummer. Assieme a Silvano è stata una bellissima esperienza. Ci siamo aiutati a vicenda, e questo è anche un po’ lo spirito della Transalp e fa parte del suo fascino”.

Walter Perkmann della val Sarentino e il tedesco Georg Niggl, vincitore della Transalp dal 2008 al 2010, sono giunti terzi. Quinti, invece, i pusteresi Elmar Müller e Paul Robert Mayr.

Master trentini terzi

Nei Master la coppia trentina formata da Claudia Segata e Claudio Pellegrini ha terminato la Transalp col tempo complessivo di 27:17.26,1, assicurandosi la terza posizione nella classifica generale. La vittoria è andata ai detentori del titolo, gli austriaci Heinz Zörweg e Silvio Wieltschnig.

Mixed altoatesini terzi

Il 27enne di Naturno, Daniel Jung, e la sua compagna di squadra bavarese, la 23enne Kristina Weber di Regensburg nella categoria Mixed si sono classificati al terzo posto (29h34‘20“). Si è imposta la coppia finnico-tedesca composta da Pia Sundstedt e Carsten Bresser (27:35.28,5) che ha staccato i secondi classificati, la svizzera Milena Landtwing e il tedesco Martin Kiechle, di 27 minuti. Sesta piazza, invece, per gli altoatesini Andrea Tasser e Hansjörg Oberkalmsteiner.

Transalp: il percorso più lungo in 14‘anni

La 14. CRAFT BIKE TRANSALP powered by NISSAN (GER) quest’anno ha proposto ai partecipanti il percorso più lungo e affascinante che sia mai esistito nella storia della manifestazione: 674,51 chilometri e 21.776 metri di dislivello con paesaggi mozzafiato nelle Dolomiti e cinque sedi di tappa poste in regione: Bressanone e San Vigilio di Marebbe (BZ), San Martino di Castrozza, Trento e Riva del Garda (TN).

Tutte le tappe:

1. Mittenwald (GER) – Weerberg (AUT) | 95,55 km | 2.336 metri di dislivello

2. Weerberg (AUT) – Mayrhofen (AUT) | 68,74 km | 2.911 metri di dislivello

3. Mayrhofen (AUT) – Bressanone (BZ) | 94,01km | 2.541 metri di dislivello

4. Bressanone (BZ) – San Vigilio di Marebbe (BZ) | 70,85 | 3.454 metri di dislivello

5. St. Vigilio (BZ) – Alleghe (BL) | 73,50 km | 2.618 metri di dislivello

6. Alleghe (BL) – S. Martino di Castrozza (TN) | 73,39 km | 3.156 metri di dislivello

7. S. Martino di Castrozza (TN) – Trento (TN) | 122,70 km | 2.598 metri di dislivello

8. Trento (TN) – Riva del Garda (TN) | 75,77 km | 2.162 metri di dislivello

Fonte Gernot Mussner

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Può interessarti