Sostenibilità e tutela del territorio al centro degli obiettivi di BMW HERO Südtirol Dolomites

Di GIANCARLO COSTA ,

HERO (foto  Freddy Planinschek)
HERO (foto Freddy Planinschek)

Senza dubbio il successo di BMW HERO Südtirol Dolomites deriva anche dal contesto naturale in cui si svolge la gara: le Dolomiti. Amate e tanto ammirate per la loro unicità, e diventate per questo Patrimonio Mondiale UNESCO dal 2009, i “monti pallidi” e l’ecosistema che attorno a loro si sviluppa, necessitano di massimo rispetto e attenta tutela.
Per questo motivo, consapevole del valore immenso che queste hanno, il comitato organizzatore di BMW HERO Südtirol Dolomites, iconico appuntamento per gli appassionati di ciclismo off-road e conosciuta come la maratona di mountain bike più dura al mondo, ha scelto di mettere in atto strategie e iniziative per rendere la manifestazione assolutamente sostenibile nel lungo periodo, quindi senza che questa generi impatti negativi sull’ambiente montano e sulle comunità coinvolte dalla gara, per mantenerne intatto il delicato equilibrio.

Fin dall’edizione di lancio nel 2010 siamo stati consapevoli di quanto le Dolomiti fossero un valore aggiunto importantissimo e insostituibile della nostra “HERO”. – commenta Gerhard Vanzi, a capo del comitato organizzatore della BMW HERO Südtirol Dolomites e del circuito internazionale HERO World Series – Amiamo la nostra terra, affascinante e al contempo fragile, e per questa ragione le dobbiamo molte attenzioni, proteggendola dall’azione dell’uomo per salvaguardare il patrimonio affinché le generazioni future possano godere di tanta bellezza».
Un grande impegno che vedrà coinvolti più aspetti legati all’organizzazione di HERO, i cui risultati si vedranno già dalla prossima edizione in programma il 12 giugno 2021.
«Sono numeri importanti per l’economia delle nostre vallate alpine, che però ci impongono da qui in avanti di adottare comportamenti responsabili verso l’ambiente che ci circonda», ha precisato Genni Tschurtschenthaler, Managing Director di HERO Südtirol Dolomites.

HERO E SUSTAINABLE EVENT MANAGEMENT

L’organizzazione HERO si è data il preciso impegno di rispettare le indicazioni espresse dalla normativa ISO 20121, la direttiva internazionale sulla gestione degli eventi sostenibili: il Sustainable Event Management è un processo che vede l’integrazione delle tematiche di responsabilità ambientale e sociale nella pianificazione degli eventi. Si tratta di una raccolta di buone pratiche che possono essere impiegate, in tutto o in parte, per ridurre gli impatti negativi delle manifestazioni sull’ambiente, dalla gestione dei rifiuti all’emissione di CO2, e allo stesso tempo dando valore alla comunità e al territorio che le ospita.
Progettazione, implementazione e rendicontazione sono i tre passaggi fondamentali per la gestione di una manifestazione in modo sostenibile. Il comitato organizzativo di BMW HERO Südtirol Dolomites ha deciso dunque, in modo autonomo e senza alcuna imposizione, di seguire e rispettare questo protocollo, concentrando le future azioni in tre direzioni strategiche: Circular Economy, Carbon Management e Certification.

LA SOSTENIBILITÀ DI BMW HERO SÜDTIROL DOLOMITES

Il primo approccio è verso la Circular Economy, andando a utilizzare materiali riciclati e da riciclo, attuando una raccolta differenziata estesa così da ‘valorizzare’ le risorse contenute nei rifiuti e recuperare manufatti e beni alla fine dell’evento. Successivamente l’attenzione si sposta sull’area del Carbon Management con l’adozione di misure per aumentare l’efficienza energetica (ad esempio l’uso di veicoli elettrici per gli spostamenti) e la relativa compensazione di CO2 emessa.
Ultima la Certification, applicando gli standard internazionali ISO 20121:2012 e ISO 14064-1:2019, seguita dalla rendicontazione e pubblicazione degli indicatori chiave di prestazione ambientale e sociale per dare una dimensione dell’evento.

GLI OBBIETTIVI DA RAGGIUNGERE
Si fa presto a parlare di ecosostenibilità, ma ciò che conta sono i numeri concreti, misurabili al termine dell’evento. E questi sono quelli che l’organizzazione di BMW HERO Südtirol Dolomites vuole raggiungere:
• 60% di acquisti fatti con criteri green, seguendo le direttive del Ministero dell’Ambiente sui Criteri Ambientali Minimi da applicare;
• 70% di prodotti Food&Beverage locali o sostenibili (certificati BIO o Fair Trade) a KM zero;
• 70% di raccolta differenziata dei rifiuti prodotti all’interno del sito di gara;
• 100% emissioni dirette di CO2 compensate.
«Può apparire scontato che un atleta non debba interessarsi al livello di impatto ambientale della gara a cui partecipa, ma crediamo che la sensibilità verso questo tema stia crescendo, – conclude Vanzi – ed essere il primo evento di mountain bike a mirare ad una certificazione internazionale ISO in questo senso, ci consente di essere fonte di ispirazione anche per altre manifestazioni».
Un traguardo senza dubbio ambizioso che parte dal voler organizzare un evento rispettando i principi più attuali della responsabilità d’impresa, primo fra tutti, la responsabilità nei confronti dell’ambiente e della comunità locale che lo ospita.

Per ulteriori informazioni: www.herodolomites.com

Fonte LDL COMeta

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti