Si è conclusa a Sauze d'Oulx l'Iron Bike con le vittorie degli spagnoli Marquez Fernandez Brandam e Gisela Biguet Espuna

Di GIANCARLO COSTA ,

Il vincitore dell'Iron Bike (foto Lilibert Mill Garcia)
Il vincitore dell'Iron Bike (foto Lilibert Mill Garcia)

Si è conclusa a Sauze d'Oulx l'Iron Bike, la gara a tappe di mountain bike più dura del mondo, corsa dal 20 al 27 luglio, 400 i chilometri percorsi con oltre 23000 metri di dislivello.
La gara è stata dominata dagli spagnoli, con Marquez Fernandez Brandam vincitore seguito sul podio finale dai connazionali Albizu Joseba 2° e Llibert Mill 3°. Al femminile successo di Gisela Biguet Espuna.

L’Iron Bike ha preso il via sabato 20 luglio con il prologo di Entracque che ha visto prevalere lo spagnolo Agustin Navarro Vidal in 1h11’41” davanti ai connazionali Brandan Marquez Fernandez (1h13’12”) e Joseba Albizu (1h13’31”), sesto l’italiano Francesco Gaffuri (1h16’21”), Tra le donne miglior tempo per l’italiana Nadia Pasqualini (1h38’44”).
La gara è proseguita domenica 21 luglio con la prima tappa Entracque-Acceglio con passaggi al Rifugio Valasco, Colle di Vallescura, Rifugio Gardetta e arrivo al campo base di Acceglio. Podio spagnolo nella due prove speciali: Dani Llorens Nunez (1h29’44”) davanti a Brandan Marquez Fernandez (1h29’52) e ad Agustin Navarro Vidal (1h31’16”), seconda prova speciale vinta invece da Joseba Albizu (2h57’10”) su Mill Llilbert (2h57’11”) e Brandan Marquez Fernandez (2h59’41”). Nella seconda tappa di lunedì 22 luglio “Acceglio-Revello” ecco i passaggi al monte Bellino, al colle di Gilba e l’arrivo a Revello al campanile di San Rocco. Nella prima prova speciale stesso tempo per Llilbert e Albizu (2h08’31”), terzo Marquez Fernandez (2h10’49”), nella seconda prova speciale è Marquez Fernandez il migliore (1h54’29”) davanti a Llilbert (1h56’26”) e Albizu (1h56’27”), nella terza pochi secondi di vantaggio per Marquez Fernandez (19’53”) su Navarro (19’55”) e la coppia Llilbert-Albizu (20’02”).

Terza tappa “Revello-Prali” martedì 23 luglio (colletto Valanza, colle Giulian e arrivo al campo base di Prali), poi la “Prali-Pramollo” di mercoledì 24 luglio (zona Bric Rond e Tredici laghi, colle Azzarà, campo base Pramollo), quinta tappa di venerdì 25 luglio da Pramollo a Villaretto di Roure con passaggio al colle Albergian e Laux, la Villaretto-Sestriere con la suggestica discesa lungo i gradini del forte di Fenestrelle e l’ascesa sullo Chaberton), infine sabato 27 luglio la settima e ultima tappa “Sestriere-Sauze d’Oulx” con l’arrivo e le premiazioni in piazza III Reggimento Alpini, conclusa nonostante il maltempo.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti