Ortler Bike Marathon: a Glorenza successi degli svizzeri Urs Huber e Küttigen Esther Süss

Di GIANCARLO COSTA ,

L'arrivo allo sprint della Ortler Bike Marathon (foto newspower)
L'arrivo allo sprint della Ortler Bike Marathon (foto newspower)

Parla per un quarto germanico e per tre quarti svizzero la quinta edizione della Ortler Bike Marathon. Gli elvetici Urs Huber (campione nazionale svizzero) e la già campionessa mondiale Esther Süss si aggiudicano la spettacolare gara venostana in uno scenario incantevole, nella prima vera e propria giornata di primavera. Temperatura ideale e sole caldo, ma il contesto è quello dei postumi dell’inverno con tratti innevati e con una variazione di poco meno di un centinaio di metri sul percorso, per non finire in mezzo alla neve.

Un grande successo per gli organizzatori della manifestazione altoatesina, costretti a modificare solo il tratto a ridosso del Lago dei Preti. L’edizione della Ortler Bike Marathon che celebra il lustro è di quelle da incorniciare. Partenza di buon’ora dal quartier generale di Glorenza sotto l’occhio vigile dell’elicottero della Guardia di Finanza. In Val Venosta gli specialisti delle ruote grasse (1400 al via) hanno combattuto e sofferto lungo i percorsi marathon di 90 km con circa tremila metri di dislivello, e classic di 51 km e 1600 metri di dislivello, sfidandosi fra i boschi, i laghi e i favolosi paesaggi che la natura venostana è in grado di regalare, come l’Abbazia di Monte Maria, attraversata rigorosamente a piedi da tutti i partecipanti in segno di rispetto per il sacro luogo, il maniero di Castel Coira ed il campanile sommerso del Lago di Resia. Numerosi gli spettatori assiepati lungo il tracciato, attirati dalla giornata di sole.

Il finale della prova maschile è avvincente e spettacolare, da far tremare i polsi. Lo svizzero Urs Huber della Team Bulls (3h39’42”), classe 1985, brucia in un concitato sprint la coppia colombiana della Giant Polimedical formata da Leonardo Paez e Arias Cuervo. Resta ai piedi del podio il 31enne livignasco Mattia Longa, che finisce attardato di 1’20” e precede il coetaneo e capitano di squadra della Scott Racing Team, Juri Ragnoli, vincitore delle ultime due edizioni, dopo i primi due successi firmati dal fuoriclasse belga Roel Paulissen, ora imprenditore ad Anterselva. Ragnoli chiude a 3’34” dal vincitore e scende sconsolato dal mezzo: “Ho finito la benzina nella parte finale della gara, ho dato tutto, ma non ho più avuto risorse per tenere il passo dei primi”. La prova è stata caratterizzata da una fuga a quattro sviluppatasi ben presto. In testa alla corsa si sono ritrovati i due colombiani della Giant Polimedical, Paez e Arias Cuervo, quest’ultimo alla sua prima partecipazione, e i due italiani della Scott Racing Team, Ragnoli e Longa. Cambi regolari, buona andatura. Nella fase cruciale della corsa il poker di fuggitivi è diventato un quintetto: l’elvetico di Mettmenstetten Urs Huber (Team Bulls) ha agganciato i quattro di testa e nel finale ha alzato il ritmo, staccando i due italiani e tenendosi a ruota la coppia colombiana. Ultima curva con Cuervo che entra largo, Paez resta alla ruota di Huber, che è più veloce allo sprint. Vince l’elvetico, da poco rientrato alle corse dopo uno stop a causa di un infortunio.

In campo femminile non c’è storia: la 45enne, già iridata, elvetica di Küttigen Esther Süss, portacolori della Cube, chiude in 4h33’57’’. Al posto d’onore la germanica di Lottstetten Janine Schneider, classe 1995, portacolori della Hohentwiel, attardata di 6’44. A completare il podio un’altra elvetica, la 26enne Vera Adrian (Re-Max), a 7’19”.
Per quanto riguarda la prova classic di 51 km, ad aggiudicarsi il successo in campo maschile è il germanico Dominik Schwaiger (Team Rocklube), che chiude in 2h6’55” con 1’02” di vantaggio sul connazionale di nove anni più anziano Wolfgang Mayer e 3’29” su Livio Camenzind, sciatore elvetico di 18 anni. Sventola la bandiera rossocrociata in campo femminile: vince la 28enne Alexandra Lehmann (Tri Team Steffisburg) davanti alla connazionale 26enne Letizia Strimer (Nationalpark Bike), giunta a 37” e alla 44enne altoatesina Marina Ilmer (Ars Vinschgau), attardata di 2’32”.
Ottimo bilancio per la neo responsabile del comitato organizzatore Julia Hensel e per il direttore di gara Jurgen Gaiser: 1400 partecipanti, alcuni nuovi tratti particolarmente apprezzati, temperatura ideale e, soprattutto, il sole. Annunciata anche la data dell’edizione 2020, il 6 giugno.
51 km Machile
1. Schwaiger Dominik Team Rocklube 2:06.55,4; 2. Mayer Wolfgang Wilier/Force Germany 2:07.57,4; 3. Camenzind Livio Vc Ibach/Velokeller 2:10.24,5; 4. Kurz Tobias Sport-Treff 2.0/ Rad 2:11.20,5; 5. Wohlfarter Kurt Sunshine Racers Asv 2:11.44,3; 6. Facchini Alex Sc Meran Radsport 2:11.44,4; 7. Wüthrich Stefan Rrc Thun/Bikecente 2:11.47,0; 8. Quaini Matteo Damiani Xbike Team 2:11.47,4; 9. Hohenegger Marco The Bikepatcher Val 2:14.06,3; 10. Wisthaler Wilfried ASV OK Südtirol Dolo. 2:14.45,3

51 Km Donne
1. Lehmann Alexandra Tri Team Steffisburg 2:30.28,9; 2. Strimer Letizia Nationalpark Bike-Ma.. 2:31.06,1; 3. Ilmer Marina Arsv Vinschgau 2:33.01,8; 4. Strimer Tinetta Nationalpark Bike-Ma. 2:36.02,6; 5. Martin Marinette Global Cycle Château. 2:36.55,8; 6. Ursch Klara I-Tscherms 2:37.46,7; 7. Tanner Susanne Thömus Factory Team 2:42.07,6; 8. Hofer Lea Rennshop.Ch/RV Ers. 2:46.34,3; 9. Wieser Fabiana Nationalpark Bike-Ma. 2:47.11,0; 10. Dietsch Janina Rsv Stuttgart Vaihin. 2:49.02,8

90 km Uomini
1. Huber Urs Team Bulls 3:39.42,5; 2. Paez Leon Hector Leonardo Giant Liv Polimedical 3:39.42,6; 3. Arias Cuervo Diego Alfonso Giant Liv Polimedical 3:39.42,9; 4. Longa Mattia Scott Racing Team 3:41.02,5; 5. Ragnoli Juri Scott Racing Team 3:43.16,7; 6. Kaufmann Markus Texpa-Simplon 3:44.26,6; 7. Looser Konny Bixs Pro Team 3:45.04,2; 8. Stutzmann Marc Rsc Team Münsigen 3:45.08,5; 9. Sarai Pietro Scott Racing Team 3:45.11,3; 10. Rebagliati Marco Willier Force 7c 3:45.41,8

90 km Donne
1. Süss Esther Cube 4:33.57,0; 2. Schneider Janine Vc Hohentwiel Singen. 4:40.41,7; 3. Adrian Vera Re/Max Cycling Team 4:41.16,1; 4. Griner Annette Wilier Force Germany 4:41.56,7; 5. Ming Andrea Team Giant Ne. 4:46.06,0; 6. Steger Elisabeth I 4:50.43,5; 7. Mazzucotelli Simona Gs Mosst Superm. 4:58.40,9; 8. Mandelli Chiara Team Spacebikes 5:13.54,3; 9. Brun Franziska Bike Goms/Liv Swiss 5:16.50,3; 10. Caprari Elisabetta Flandres Love-Sportl. 5:17.33,7

Fonte Newspower

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti