Mondiale Marathon: vittorie di Leo Paez e della svizzera Forchini, quarto Juri Ragnoli

Di GIANCARLO COSTA ,

Campionato Mondiale MTB Marathon in Turchia (foto uci)
Campionato Mondiale MTB Marathon in Turchia (foto uci)

Si è disputato in Turchia, sul tracciato di Sakarya, l'ultimo appuntamento iridato del 2020 con il Campionato Mondiale Marathon. Un mondiale che, per l'occasione, ha offerto agli atleti iscritti un percorso atipico, lungo 29,1 km da ripetere 3 volte per gli uomini e 2 per le donne. A trionfare è il colombiano Leo Paez, che raggiunge il traguardo in 4 ore, 19 minuti e 50 secondi, vincendo quindi per il secondo anno consecutivo la maglia iridata.
In seconda posizione Tiago Ferreira, staccato di 2 minuti e 20 secondi e seguito da Martin Stosek. Medaglia di legno e quarta posizione per Juri Ragnoli con un ritardo di 2 minuti e 17 secondi dal podio e dalla medaglia di bronzo: un vero peccato per l'azzurro, che ha dimostrato di avere carattere e di voler onorare al meglio la maglia azzurra. "Avevo avvisato i ragazzi: la gara comincia nell'ultimo giro, chi spende troppo prima poi pagherà" racconta il CT Mirko Celestino. Che aggiunge: "Al contrario delle aspettative Ragnoli ha tenuto botta, si è gestito bene e ha raccolto un ottimo quarto posto. Un risultato che per qualcuno forse non vale nulla, ma che dimostra che l'Italia c'è e dà l'anima in sella a quella bicicletta".

Una gara sicuramente poco fortunata per il gruppo azzurro, in gara con sei atleti: nel corso del primo giro Juri Ragnoli, Riccardo Chiarini e Fabian Rabensteiner hanno mantenuto il contatto con i primi. E' stato, però, nel corso del secondo giro che è avvenuta la vera e propria selezione per il proseguimento della gara: al termine del secondo giro a condurre la gara c'erano Ragnoli e Hynek seguiti a ruota da Paez, Stosek e Ferreira. Nell'ultimo giro Paez aumenta il ritmo e solo Ferreira e Stosek sembrano in grado di mantenere il contatto, sebbene staccati di un paio di minuti. Fabian Rabensteiner, Jacopo Billi e Riccardo Chiarini riescono ad entrare nella top 20 chiudendo rispettivamente al 16 18 e 19 posto. Ritirati Tony Longo e Samuele Porro: "Tony ha avuto dei problemi meccanici, ha tribolato per tutta la prima parte di gara e alla fine si è arreso dopo aver pedalato praticamente 3 ore da solo. Samuele ha forato dopo appena 25 km, non è riuscito a riparare il danno ed è arrivato al box con già 7 minuti di ritardo, per poi decidere di ritirarsi".
Il Mondiale femminile va alla svizzera Romana Forchini dopo 3:42.18, che precede la polacca Wloszczowska, mentre il bronzo va all’altra svizzera Ariane Lüthi.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti