Lorenzo Suding ed Elisa Canepa Campioni Italiani Downhill a Sestriere (TO)

Di GIANCARLO COSTA ,

Lorenzo_Suding_tricolore_a_Sestriere_(foto_suding.it).jpg
Lorenzo_Suding_tricolore_a_Sestriere_(foto_suding.it).jpg

Domenica scorsa Sestriere è stata capitale italiana della DH dove, dopo due emozionanti giorni di gara, sono state assegnate le maglie tricolori di specialità.

L’ottima organizzazione del Bike Club Sestriere in collaborazione con Bikecafe e Andrea Leo, aveva convinto la federazione per l’assegnazione della prova, cosa che ha permesso la perfetta riuscita della manifestazione, svoltasi sulla famosa pista “ Down Tower” che si snoda sul monte Fraiteve e che è stata anche “omologata” da World Cup dai fratelli Atherton in una loro sosta nel comprensorio Alpi Bike Resort del quale Sestriere fa parte.

Domenica alle 13 inizia la finale e uno dopo l’altro scendono i biker. Passano i minuti e le categorie si susseguono. Così s’incominciano a conoscere i primi campioni italiani.

Ad ogni passaggio il numeroso pubblico accorso acclamava, incitava il proprio beniamino, il proprio amico, figlio, fidanzato o solo uno che fa un bel salto.

Ma il pensiero di tutti era rivolto agli ultimi che sarebbero scesi. I più forti. Quelli che nelle qualifiche avevano fatto registrare, salvo cadute o rotture, i tempi più bassi. Quelli che sembra non facciano fatica a superare gli ostacoli.

Il primo a dare un forte colpo al tempo di discesa è stato Gianluca Vernassa, 3’28”03c nelle qualifiche, che con il tempo di 3’19”85c si siede sulla “hot seat” in attesa dei successivi riders.

E sembra che nessuno riesca a farlo scendere dalla poltrona.

Tocca a Claudio Cozzi ma con 3’23”41c chiude in terza posizione. Marco Milivinti finisce con il tempo di 3’25”82c. Successivamente è il turno dello junior Francesco Colombo. Ottimo tempo. 3’24”98c e 3° tempo assoluto.

Poi tocca a Lorenzo Suding, il campione in carica. Nell’intertempo è già davanti. Passa indenne sul “rock garden” e nella curva successiva sembra che la ruota anteriore si pianti nella sabbia. Suding rimane in piedi e continua diritto verso il bis.

Ad attenderlo c’è la maglia tricolore e Corrado Herin che lo aspetta a braccia alzate. Queste le sue parole dopo il traguardo: “Sono molto contento. E’ stato molto duro. Molto più che lo scorso anno. La pista era molto segnata e ho rischiato di cadere in due curve per la sabbia. Ma sono molto felice.

I ragazzi bikecafe hanno concluso con dei discreti risultati lontani dalla soddisfazione del 2011 dove Andrea Leo e Giampiero Goia erano stati beffati ma incoronati vice campioni italiani nelle rispettive categorie.

Andrea Leo fuori dai giochi a causa di problemi fisici, Giampiero Goia out per un problema tecnico avvenuto 1 minuto prima della partenza e gli altri ragazzi fuori causa cadute e scivolate. Unica consolazione per Andrea Peretti nella categoria esordienti, che ha chiuso con un terzo posto di categoria dimostrando una buona crescita per il futuro segnando 5 podi in 5 gare.

Grande soddisfazione per lo staff bikecafe per l’organizzazione di questo grande evento dimostrando l’ottimo lavoro di team con le società gsr alpina bikecafe e bikeclub sestriere.

Fonte www.bikecafe.org

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Può interessarti