I francesi Myriam Nicole e Loic Bruni Campioni del mondo Downhill

Di GIANCARLO COSTA ,

Loic Bruni all'ultimo Salto (foto UCI)
Loic Bruni all'ultimo Salto (foto UCI)

I Campionati Mondiali di mountain bike di Mont Sainte Anne in Canada si sono conclusi con la più spettacolare delle gare: il Downhill.

I favori del pronostico andavano allo squadrone francese, che si è confermato una corazzata del mondo delle ruote grasse, anzi del VTT, com’è chiamata in Francia la MTB.

Tracciato impegnativo quello Canadese, lungo 2,9 km con un dislivello di 586 metri, chiamato “Autoroute pour l’enfer” visto che siamo in Quebec, dove la lingua ufficiale è il francese.

Strepitoso il fuoriclasse transalpino Loic Bruni, che vince il quarto titolo mondiale in 4’05”544c, argento per l’australiano Troy Brosnan a 58c e bronzo per l’altro francese Amaury Pierron. Per l’Italia Davide Palazzari 46°, VON KLEBELSBERG Johannes 65°.

Oro francese anche al femminile con Myriam Nicole in 4’19”607c, argento per la britannica Seagrave e bronzo per l’altra francese Cabirou. Sesta l’azzurra Eleonora Farina, 21a Veronika Widmann.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti