Coppa del Mondo XCO Albstadt: inizia la stagione olimpica della mountain bike

Di GIANCARLO COSTA ,

Partenza Aalbstadt XCO World Cup 2019 (foto Wolinski)
Partenza Aalbstadt XCO World Cup 2019 (foto Wolinski)

Scatta da Albstadt questo week end la Mercedes-Benz UCI Cross-Country World Cup 2021, passaggio importante ai fini della qualificazione per le Olimpiadi di Tokyo, anche per i nostri colori, come ha ricordato il CT Mirko Celestino in occasione della presentazione della stagione. Gli italiani elite parteciperanno con i rispettivi team, mentre sarà presente una rappresentativa azzurra tra gli juniores.

Le speranze italiane sono affidate ai campioni nazionali Eva Lechner e Luca Braidot, ad una ritrovata Martina Berta e a Gerard Kerschbaumer.
Albstadt, nel sud-ovest della Germania, presenta un percorso XCO per molti versi "vecchio stile" con due salite lunghe, ripide e decisive. La tecnicità della pista di 4,2 km è relativamente bassa rispetto ad alcuni dei round successivi. La velocità media, anche per questo, è brutalmente alta e la bagarre garantita. In loco questa volta non ci saranno folle di tifosi, naturalmente, ma la speranza è che il 2022 veda un ritorno dei fans dal vivo.
Le gare ad Albstadt nel 2019, l'ultima volta che la Coppa del Mondo XCO ha fatto tappa qui, furono caratterizzate da una forte pioggia. Tra le donne primeggiò l'americana Kate Courtney, al primo successo da elite, tra gli uomini lo svizzero Mathias Flückiger, che anche questa volta è dato tra i favoriti. Dovrà vedersela con colleghi esperti del calibro di Nino Schurter ed Henrique Avancini, ma anche con i giovani rampanti che non vediamo l'ora di ammirare in azione, su tutti, l'olandese Mathieu Van der Poel e l'inglese Tom Pidcock che tornano alle ruote grasse dopo aver fatto faville su strada.

In campo femminile la campionessa del mondo Pauline Ferrand-Prévot sarà la donna da battere. La francese dovrà stare attenta alle nuove leve Loana Lecomte, Evie Richards e Laura Stigger così come alle sempre pericolose Jolanda Neff, Anne Tauber e la già citata Courtney.
Previste le dirette di Red Bull TV , che proporrà il commento in lingua italiana con Marco Aurelio Fontana. Dopo il successo riscosso dalle prove di Downhill della scorsa stagione, che nel 2021 saranno ancora una volta raccontate dal Prorider e dal freerider Torquato Toto Testa, il bronzo olimpico di Londra 2012 accompagnerà verso Tokyo2020 con la sua voce e competenza alla scoperta della disciplina che lo ha reso noto e apprezzato dal grande pubblico.

Gli juniores convocati sono:
Auer Sophie, Bramati Lucia, Cortinovis Sara, Pallweber Jana, Plankensteiner Noemi, Vicentini Sara.
La squadra sarà diretta dal CT Mirko Celestino che si avvarrà della collaborazione tecnica di Enrico Martello.

Fonte Federciclismo

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti