Annullato per maltempo il Pietra Ligure Superenduro

Di GIANCARLO COSTA ,

Superenduro Pietra Ligure (foto Damonte)
Superenduro Pietra Ligure (foto Damonte)

Dopo le prove libere di sabato il feedback sulle prove speciali era unanime, percorsi stupendi e territorio unico nel suo genere. Con due speciali ben sopra i 10 minuti tra faggete, boschi di castagno e macchia mediterranea e una speciale cittadina con arrivo in Piazza S.Nicolò nel centro storico di Pietra Ligure, la prima Superenduro di stagione si apprestava a diventare una gara epica dal finale infuocato.

A spegnere l’entusiasmo di rider e organizzatori ci si è messo il maltempo con pioggia, neve e soprattutto il gran freddo, che hanno innalzato il livello d’attenzione dei soccorsi e costretto la giuria a prendere la decisione di annullare la gara.
La località, con la collaborazione tra il Comune di Pietra Ligure, le associazioni, Pietra Ligure Outdoor, Visit Pietra Ligure, Sea Stone Riviera e Finale Outdoor Resort, ha messo in campo tutte le risorse necessarie per realizzare una gara di altissimo livello, con un’area paddock davvero curata e coloratissima a due passi dal mare, ma soprattutto con una serie di sentieri al top espressione di tutta l’eterogeneità di questo territorio che perfettamente si sposa con l’enduro in mountain bike.

Fin da subito la prima del Superenduro Pietra Ligure, valevole anche come EWS Qualifier, ha registrato grandi numeri. 405 rider di 16 nazionalità diverse pronti a prender il via sfidandosi nella cornice di Pietra Ligure e della Val Maremola. Ma purtroppo in questa occasione il meteo si è messo di traverso.
Ciò che invece non è riuscito a cancellare il brutto tempo è stata la positiva reazione della maggioranza degli atleti nell’accogliere il nuovo regolamento delle prove e le sfide che questo cambiamento comporta.
Già da venerdì nel paddock in allestimento, le assistenze erano attive con i rider per impostare il miglior setup delle bici, consapevoli del poco tempo a disposizione per trovare il miglior equilibrio in visione della gara. La giornata del sabato ha fatto emergere i differenti approcci dei rider al nuovo format delle prove.
Chi provava senza fermarsi all’immediata ricerca del giusto feeling con il trail e la bici, limitando quindi il consumo delle proprie energie e chi, invece, si focalizzava più sui passaggi tecnici provandoli diverse volte per trovare le linee più veloci, senza che però nessuno avesse la possibilità di memorizzare o studiare a fondo speciali e i passaggi nel dettaglio.
Insomma, siamo certi che questo regolamento offrirà in futuro uno spettacolo sempre più avvincente aumentando al contempo il divertimento in sella.

Organizzare e correre una gara in un territorio così bello e vario come quello di Pietra Ligure è un’opportunità unica che certamente si cercherà di cogliere nuovamente in futuro, per cui questo è a tutti gli effetti un arrivederci!

Fonte superenduro press office

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti