Tour de France: Soren Kragh Andersen vince tappa 14 a Lione, terzo Simone Consonni

Di GIANCARLO COSTA ,

Andersen lanciato verso la vittoria di Lione al Tour de France (foto cyclingnews)
Andersen lanciato verso la vittoria di Lione al Tour de France (foto cyclingnews)

In questo Tour de France, finora avaro di soddifazioni per gli italiani, un barlume di luce si vede oggi nella tappa  terminata a Lione in una frazione difficile, per l'alta "litigiosità" propria della corsa francese ed anche per un tracciato da classica, con un finale nervoso e ricco di insidie.
Un filo di buon umore lo regala Simone Consonni, che ha chiuso al terzo posto, alle spalle di Soren Kragh Andersen (Sunweb) autore di un numero speciale e che ha finalizzato perfettamente il lavoro della sua squadra. Tra il corridore italiano e il vincitore, la ruota di Luka Mezgec (un altro sloveno); dietro Simone addirittura sua maestà Sagan, ancora alla ricerca della vittoria. Se vogliamo essere ottimisti, aggiungiamo anche il settimo posto di Matteo Trentin e il nono di Sonny Colbrelli. In una frazione che sfiorava i 200 chilometri e con un finale indioso, ritrovare tre italiani in corsa per la vittoria ci sembrano una buona notizia, soprattutto in vista di un Mondiale.
La tappa, è stata vinta dal danese Andersen, abile a prendere il gruppo in contropiede a circa 3 chilometri dalla conclusione, dopo che questo aveva recuperato su Hirschi. Insomma i Sunweb hanno fatto fuoco e fiamme per portare a casa la tappa e alla fine ce l'hanno fatta.

La frazione è stata caratterizzata dal forcing Bora, a metà della stessa, per mettere fuorigioco Bennet e permettere a capitan Sagan di puntare con decisione alla maglia verde. Il tre volte campione del mondo si è poi visto anche in testa nelle fasi calde, proprio per recuperare su Hirschi. Ha forse bruciato energie, il che non gli ha permesso di cogliere quanto meno la seconda piazza in volata.
Il finale si prestava anche ad una possibile imboscata alla maglia gialla. Ci ha anche provato Bernal, poco prima dell'attacco decisivo del danese. Ma Roglic non ha concesso neanche un metro, portandosi dietro tutti i big e facendo fallire, sull'abbrivio, anche il tentativo di Alaphilippe, mai in forma come in questi giorni. I suoi scatti ci sembrano rasoiate che fanno male. Uscito di scena dalla classifica e con una tappa già nel carnet, crediamo che il francese ormai stia soltanto affinando la condizione per Imola.

Domani si torna a salire con un finale che sicuramente ci dirà qualcosa di più su chi arriverà a Parigi con la Maglia Gialla. Al momento Roglic non sembra attaccabile, ma la Grande Boucle è anche un grande mistero.

Fonte federciclismo

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti