Parigi-Nizza: nella cronometro vittoria del danese Andersen, Schachmann sempre maglia gialla

Di GIANCARLO COSTA ,

Il danese Andersen vincitore della cronometro alla Parigi Nizza (foto cyclingnews)
Il danese Andersen vincitore della cronometro alla Parigi Nizza (foto cyclingnews)

Quarta tappa alla Parigi-Nizza, tappa a cronometro di 15 km a Saint Amand Montrond.
Vittoria del danese del Team Sunweb Søren Kragh Andersen in 18’51”, 2° a 6″ il leader della corsa Maximilian Schachmann, 3° a 12″ Kasper Asgreen, 4° a 13″ Thomas De Gendt, 5° a 15″ Pello Bilbao, 6° a 17″ Victor Campenaerts, 7° a 18″ Michael Matthews, 8° a 26″ Stefan Küng, 9° a 27″ Tobias Ludvigsson e 10° a 29″ Lawson Craddock.

Sempre in maglia gialla Maximilian Schachmann della Bora Hansgrohe, che aumenta a 58″ il vantaggio su Søren Kragh Andersen ora 2°, e 1’01” su Felix Grossschartner 3°; 4° Higuita a 1’06”. Tra gli italiani 9° Giacomo Nizzolo a 1’15” e Vincenzo Nibali 11° a 1’18”.

Domani quinta tappa, la più lunga della Parigi-Nizza, la Gannat-La Côte Saint André di 227 km e 2600 metri di dislivello.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti