Il norvegese Kristoff vince a Nizza la prima maglia gialla del Tour de France

Di GIANCARLO COSTA ,

Il norvegese Kristoff vince la prima tappa del Tour de France (1)
Il norvegese Kristoff vince la prima tappa del Tour de France (1)

Il Tour è il Tour, e fin dalla prima tappa si conferma come la corsa più spettacolare e ad alta tensione, non solo delle 2 ruote. Il coronavirus ne ha causato il rinvio, e per la prima volta si corre a settembre, con la prima tappa oggi 29 agosto a Nizza. Tappa di 156 km prevista per velocisti, e infatti così è stato, me negli ultimi 60 km ne sono successe di tutti i colori. Non era una tappa piatta, anzi, 3 salite fino a 500 metri di quota (con partenza dal livello del mare) che non erano forse un gran problema per le gambe dei migliori velocisti, ma quando s’è messo a piovere, la strada s’è trasformata in una pista di pattinaggio, complici le ruote rigide, la pressione dei tubolari e la frenesia di questa strana stagione, quasi tutti i protagonisti attesi devono contare cadute, botte ed escoriazioni, da Alaphilippe a Sivakov, da Porte a Zakarin, Nizzolo, Lopez e Pinot nel finale. Tant’è che Tony Martin ad un certo punto ha fatto segno al gruppo di rallentare. Ad un certo punto l’Astana non ci stava, in 3 attaccano in discesa, ma ad una curva Miguel Angel Lopez va quasi in controrotazione e si schianta contro un paletto, fortunatamente quasi senza danni, ma da li alla pianura è armistizio tra i corridori che procedono a velocità cicloturistica.

Negli ultimi 10 km entrano in azione le squadre dei velocisti, ma passati i -3km all’arrivo, altra caduta, con buona parte del gruppo che rimane dietro e Pinot che si becca una bella botta. In volata ci sono i migliori velocisti, e vince quello meno pronosticato, il norvegese Alexander Kristoff, che nei 150 metri finali esce di prepotenza e vince tappa e maglia Gialla sul Campione del Mondo il danese Mads Pedersen, 3° l’olandese Cees Bol. Completano la top ten Sam Bennett 4°, Peter Sagan 5°, Elia Viviani 6°, Giacomo Nizzolo 7°, Bryan Coquard 8°, Anthony Turgis 9° e Jasper Stuyven 10°.

Domani tappa già importante con 4000 metri di dislivello e le salite del Col de Turini e il Col D’Eze; non sapremo chi vincerà il Tour de France, ma si capiranno meglio le forze in campo e chi non lo vincerà.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti