Annullata la Strade Bianche, maschile, femminile e amatoriale

Di GIANCARLO COSTA ,

Julian Alaphilippe e Jakob Fuglsang alle Strade Bianche 2019 (foto federciclismo)
Julian Alaphilippe e Jakob Fuglsang alle Strade Bianche 2019 (foto federciclismo)

Doveva essere l’inizio in grande stile del ciclismo professionistico in Italia, la “Strade Bianche”, la classica del Nord più a sud d’Europa, invece anche questa è finita nel vortice di annullamenti che sta contagiando lo sport italiano. Alla luce del decreto del Presidente del Consiglio, è impossibile lo svolgimento della corsa che ha il suo centro a Siena, con partenza alla Fortezza da Basso e arrivo in piazza del Campo. Causa coronavirus saltano così sia la gara maschile che quella femminile, entrambe del circuito WorldTour previste per sabato 7 marzo e la gara amatoriale, con circa 6500 ciclisti in arrivo da tutto il mondo, prevista per domenica 8 marzo.

Ecco il comunicato degli organizzatori RCS Sport: “Dopo l’incontro di questa mattina presso la Prefettura di Siena in presenza di Sua Eccellenza il Prefetto e del Sindaco di Siena, verificato che non esistono le condizioni per garantire quanto previsto dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana del 4 marzo 2020, RCS Sport in accordo con le autorità competenti ha deciso di annullare le corse di ciclismo in programma sabato 7 marzo Strade Bianche e Strade Bianche Women Elite. Rcs Sport attraverso la Federazione Ciclistica Italiana chiederà all’Uci di ricollocare le corse di ciclismo Strade Bianche e Strade Bianche Women Elite in altra data del calendario ciclistico internazionale”.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti