Presentato il Giro d’Italia 2020: partenza dall’Ungheria, arrivo a Milano

Di GIANCARLO COSTA ,

Il presidente RCS Cairo e il presidente RAI alla presentazione Giro d'Italia 2020 (1)
Il presidente RCS Cairo e il presidente RAI alla presentazione Giro d'Italia 2020 (1)

Presentato oggi a Milano la 103ma edizione del Giro d’Italia. Nello studio tutto ruota attorno al “Trofeo senza Fine” il trofeo assegnato al vincitore, con tutti i nomi dei vincitori della corsa Rosa. Nella premessa sono stati ricordati 2 uomini che hanno fatto grande il ciclismo italiano: Felice Gimondi e il patron della Mapei Squinzi. Oltre a Urbano Cairo, Bellino e Mauro Vegni, della RCS che organizza la corsa Rosa, c’erano il vincitore dell’ultima edizione Richard Carapaz e l’atteso debuttante, il 3 volte campione del mondo Peter Sagan che così dichiara ufficialmente che per la prima volta parteciperà al Giro d’Italia.

Il Giro d’Italia 2020 partirà dall’Ungheria sabato 9 maggio con una cronometro individuale per le strade di Budapest: la carovana rosa resterà poi in Ungheria per altri due giorni, prima di volare in Sicilia per altre 3 tappe e iniziare la risalita della penisola. L’arrivo in salita sull’Etna, la difficile tappa sulla Sila, la frazione di Cesenatico ispirata alla Nove Colli, la cronometro di Valdobbiadene e la tappa di montagna di Piancavallo saranno le tappe che porteranno i protagonisti all’ultima settimana, che come da pronostico sarà decisiva. La tappa di montagna di Madonna di Campiglio porterà i corridori alle due tappe: nella diciottesima tappa i corridori affronteranno il Passo dello Stelvio scenderanno su Bormio e arriveranno al traguardo dei Laghi di Cancano, salita inedita per il Giro. La penultima e ventesima tappa, strizza l’occhio alla Cuneo-Pinerolo degli anni '50: 200 km con 5000 metri di dislivello, partenza da Alba, passaggi sul colle dell’Agnello, in Francia Izoard e Monginevro, quindi arrivo a Sestrière. L’ultima tappa poi non sarà passerella, ma la terza cronometro di questo Giro, che nel 2017 fu decisiva per la vittoria di Doumulin. In totale sono 3580 i km da affrontare nel corso delle ventuno tappe.

Le Tappe del Giro d’Italia 2020
sabato 9 maggio, 1a tappa: Budapest – Budapest (Cronometro, 8.6 km)
domenica 10 maggio, 2a tappa: Budapest – Györ (195 km)
lunedì 11 maggio, 3a tappa: Székesfehérvár – Nagykanizsa (204 km)
martedì 12 maggio, 4a tappa: Monreale – Agrigento (136 km)
mercoledì 13 maggio, 5a tappa: Caltanissetta – Etna/Piano Provenzana (150 km)
giovedì 14 maggio, 6a tappa: Catania – Villafranca Tirrena (138 km)
venerdì 15 maggio, 7a tappa: Mileto – Camigliatello Silano (223 km)
sabato 16 maggio, 8a tappa: Castrovillari – Brindisi (216 km)
domenica 17 maggio, 9a tappa: Giovinazzo – Vieste (198 km)
lunedì 18 maggio, Giorno di riposo
martedì 19 maggio, 10a tappa: San Salvo – Tortoreto Lido (212 km)
mercoledì 20 maggio, 11a tappa: Porto Sant’Elpidio – Rimini (181 km)
giovedì 21 maggio, 12a tappa: Cesenatico – Cesenatico (205 km)
venerdì 22 maggio, 13a tappa: Cervia – Monselice (190 km)
sabato 23 maggio, 14a tappa: Conegliano – Valdobbiadene (Cronometro, 33.7 km)
domenica 24 maggio, 15a tappa: Base Aerea Rivolto – Piancavallo (183 km)
lunedì 25 maggio, Giorno di riposo
martedì 26 maggio, 16a tappa: Udine – San Daniele del Friuli (228 km)
mercoledì 27 maggio, 17a tappa: Bassano del Grappa – Madonna di Campiglio (202 km)
giovedì 28 maggio, 18a tappa: Pinzolo – Laghi di Cancano (209 km)
venerdì 29 maggio, 19a tappa: Morbegno – Asti (251 km)
sabato 30 maggio, 20a tappa: Alba – Sestriere (200 km)
domenica 31 maggio, 21a tappa: Cernusco sul Naviglio – Milano (Cronometro, 16.5 km)

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti