Parigi-Nizza: si pedala nonostante il coronavirus, il tedesco Schachmann si aggiudica la prima tappa

Di GIANCARLO COSTA ,

Maximilian Schachmann vince la prima tappa della Parigi Nizza (foto cyclingnews)
Maximilian Schachmann vince la prima tappa della Parigi Nizza (foto cyclingnews)

Nonostante l’emergenza coronavirus abbia fatto annullare le gare in Italia e fermare l’UAE Tour nei Paesi Arabi Uniti, in Francia si corre la Parigi-Nizza. Prima tappa Plaisir-Plaisir, collinare con una salita di 1,5 km da ripetere più volte che ha fatto selezione anche a causa della giornata di freddo pioggia e vento. Un po’ di ventagli che spezzano il gruppo e qualche caduta, che mettono fuori gioco corridori come Barguil, poi squalificato per scia dietro ammiraglia, Bardet dolorante e Porte già attardati in classifica generale.

Nel finale vince il tedesco Maximilian Schachmann in 3h32’19”, 2° Dylan Teuns, 3° Tiesj Benoot, quindi 4° Alaphilippe a 3″, mentre completano la top ten nell’ordine a 15” Cees Bol, Nils Politt, Giacomo Nizzolo, Sergio Higuita, Felix Grossschartner e Yves Lampaert.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti