Giro Valle d’Aosta: a Saint-Gervais Mont Blanc caos in gruppo e vittoria di Ide Schelling

Di GIANCARLO COSTA ,

Arrivo tappa 1 Giro Valle d'Aosta (foto organizzazione)
Arrivo tappa 1 Giro Valle d'Aosta (foto organizzazione)

Non nasce sotto una buona stella questa edizione del Giro Valle d’Aosta. Nel cronoprologo di martedi, c’è stato un errore di rilevazione di un tempo, mercoledì invece si correva una delle tappe più dure, con l’arrivo a Saint Gervais Mont Blanc dopo 126 km di salite e discese come il Cormet des Roseland.
Poi a circa 30 km dall’arrivo il fattaccio: a un incrocio dove fuggitivi e 2 gruppetti di inseguitori passano senza problemi, arriva il grosso del gruppo che seguendo la staffetta che sbaglia strada, si ritrova nel classico vicolo cieco, strada che porta a un’azienda agricola.

Neutralizzata la gara, la direzione di corsa fa ripartire i ciclisti con gli stessi distacchi che vi erano prima di questo errore. Decisione contestata perché rientrano anche i corridori che erano già staccati.
Alla fine si riparte e in 3 vanno a giocarsi la tappa, vinta dall’olandese Shelling, davanti a Chevalier e a Vansevenant. Il gruppo, invece, giunge a circa 15 minuti di ritardo, e alcuni dei ragazzi decidono addirittura di non tagliare la linea del traguardo in segno di protesta.

Seconda tappa domani gioved’ 18 luglio, la Aymavilles-Valsavarenche di 137 km, ma c’è aria di protesta per le situazioni che hanno falsato la gara odierna.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti