Filippo Ganna nella storia del ciclismo: Campione del mondo a cronometro a Imola

Di GIANCARLO COSTA ,

Filippo Ganna Campione del mondo a Cronometro (3)
Filippo Ganna Campione del mondo a Cronometro (3)

Era l’asso sui cui l’Italia del pedala puntava tutto in questi Campionati Mondiali, era il favorito, aveva ottenuto il bronzo nei Mondiali 2019, e già per 4 volte aveva vestito la maglia iridata, ma in pista nell’inseguimento. Così Filippo Ganna, piemontese di Verbania, non ha tradito le attese e non s’è fatto schiacciare dalle pressioni che erano tutte su di lui, aggiudicandosi, primo italiano nella storia dei Mondiali, la cronometro individuale, oggi pomeriggio sul percorso di 31,7 km con partenza e arrivo all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola. Una vera Formula 1, una condotta di gara che può sembrare semplice, partire a tutta, a metà aumentare e alla fine sprintare, ma che richiede una capacità di concentrazione e di sopportazione del dolore fuori dal comune. Oggi erano presenti i suoi commissari tecnici: Villa per la pista, Cassani per la strada, Velo era sull’ammiraglia Ineos Granadiers, la squadra per cui corre Ganna e che negli ultimi 2 anni gli ha consentito un vero salto di qualità nelle cronometro, visto la cura dei particolari e dei mezzi tecnici alla quale la squadra britannica è particolarmente attenta. Ma alla fine gambe, cuore e cervello sono tutte di Filippo Ganna, che nelle dichiarazioni dopo gara, oltre ad aver ringraziato tutti, compreso il pubblico di cui ha sentito il tifo sul percorso, ha già messo nel mirino la crono di apertura del Giro d’Italia, in cui sogna di vestire a maglia Rosa. Tutto questo in attesa delle Olimpiadi di Tokyo del 2021.

Buona prova anche di Edoardo Affini, a lungo sulla “hot seat” prima che partissero i migliori, con il britannico Geraint Thomas che lo andava a scalzare dal ruolo di leader, la cui prova 36’31” a 52.1 km/h di media, oltre che a dargli il quarto posto finale, lo mette sul piedistallo dei favoriti del Giro d’Italia ormai alle porte. Già perché in questo mese, da oggi al 25 ottobre, l’Italia del ciclismo sarà al centro del mondo sportivo, prima con questi Mondiali che terminano domenica, poi con il Giro d’Italia, che dal 3 al 25 ottobre accenderà i fari sulla nostra bella Italia.
Man mano che arrivano i concorrenti, si delinea la classifica di questa cronometro. Rémi Cavagna e Alex Dowsett arrivano dietro il vincitore del Tour 2018. Poi è la volta del fuoriclasse belga Wout van Aert che diventa leader in 36’20”, subito dopo lo svizzero Stefan Küng arriva in 36’23” ed è secondo. L’olandese Tom Dumoulin, chiude in 37’08” e sarà decimo.
Filippo Ganna all’intermedio ha 35” di vantaggio su Thomas, al traguardo il suo tempo è di 35’54”, media 52.978 km/h. Dopo di lui c’è solo il Campione del mondo uscente Rohan Dennis, arriva in 36’33” ed è quinto.

Filippo Ganna quindi è Campione del mondo a cronometro, secondo il belga Wout van Aert a 26″, terzo lo svizzero Stefan Küng, a 29″. Completano la top ten il britannico Geraint Thomas 4° a 37″, l’australiano Rohan Dennis 5° a 39″, il danese Kasper Asgreen 6° a 47″, il francese Rémi Cavagna settimo a 48″, il belga Victor Campenaerts ottavo a 52″, il britannico Alex Dowsett 9° a 1’06” e l’olandese Tom Dumoulin 10° a 1’14”. L’altro azzurro in gara Edoardo Affini è 14° a 1’31”.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti