VENTO Bici Tour: dal 17 al 25 settembre da Venezia al Salone del Gusto e Terra Madre di Torino

Di GIANCARLO COSTA ,

Vento ricuciamo la bellezza (foto fb vento)
Vento ricuciamo la bellezza (foto fb vento)

Dal 17 al 25 settembre si svolgerà la quarta edizione di VENTO Bici Tour: si parte da Venezia e, con 9 tappe e 24 eventi lungo i paesaggi del fiume Po, si arriva a Torino, al Salone del Gusto e a Terra Madre. Il tutto in bicicletta, per dire che VENTO non è solo una ciclovia che collega due tra le più belle città italiane, ma è un altro modo di intendere il territorio e di immaginare per lui e i suoi abitanti un futuro sostenibile.

Il tour si svolgerà all'interno della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile (16-22 settembre), un'occasione per promuovere e coniugare bicicletta e territorio e fare rete tra associazioni, amministrazioni e università.
Quest'anno il tema del tour è "Ricuciamo la bellezza" perchè le tante tracce di bellezza lungo il Po attendono il nuovo filo narrativo di VENTO per tenerle assieme, restituendole così alla fruizione e al godimento di tutti.

Grazie a VENTO Bici Tour la bellezza di questi territori potrà essere visitata in bicicletta quindi scoperta, amata e raccontata diversamente: un nuovo filo l'avr&agreve; ricucita facendo scoprire cose mai viste prima e trame che appassioneranno i cicloturisti. L'atto simbolico di questa cucitura sarà la raccolta di paste ripiene organizzata assieme a SlowFood. In ogni tappa si raccoglieranno tortelli, ravioli, testaroli, tortellini e ricette che saranno esposti a Torino il 25 settembre durante il Salone del Gusto. Tra le tante date importanti non sfugge l'appuntamento di Ferrara del 19 settembre alla presenza di tutti i siti UNESCO lungo il Po; di Mantova il 20 settembre, capitale della Cultura; di Pavia il 22 settembre dove sono invitati i quattro presidenti regionali e i Ministri Delrio e Franceschini; di Trino (VC) il 23 settembre per discutere assieme se e come impiegare i finanziamenti delle compensazioni ambientali dell'ex centrale nucleare e di Livorno Ferraris il 24 con l'immancabile riso del Po.
VENTO Bici Tour di quest'anno ha un sapore particolare perchè si parte avendo alle spalle un risultato importantissimo: lo scorso 27 luglio Governo e Regioni hanno firmato un protocollo d'intesa che dà concreto avvio alla progettazione e realizzazione della Rete Nazionale delle Ciclovie Turistiche Italiane. Con questo protocollo si potranno impiegare i 91 milioni di euro stanziati in Legge di Stabilità2016. È la prima volta nel nostro Paese.

VENTO sarà il primo e più grande progetto di infrastruttura cicloturistica in Italia (679 km tutti e solo ciclopedonali) e una volta realizzato sarà in grado di supportare flussi di 3-500.000 passaggi di cicloturisti all'anno generando indotti per oltre 100 milioni annui e migliaia di nuovi posti di lavoro. Il tutto a un costo diinvestimento pari a poco più di 100 milioni, ovvero l'equivalente di tre chilometri di autostrada.

Un solo km di ciclabile turistica è in grado di sostenere/generare 5 posti di lavoro con un indotto annuo che oscilla tra 100 e 300.000 euro.

Il programma aggiornato di Vento Bici Tour 2016 su www.progetto.vento.polimi.it

Fonte Piemonte Parchi

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Può interessarti