Traversata delle Alpi: sta per partire il viaggio di Mattia Barlocco da Trieste a Nizza

Di GIANCARLO COSTA ,

Traversata delle Alpi di Matttia Barlocco consegna del Patrocinio da parte del Comune di Bormida (1)
Traversata delle Alpi di Matttia Barlocco consegna del Patrocinio da parte del Comune di Bormida (1)

Attraversare le Alpi da Trieste e Nizza è una bella avventura. Fu Walter Bonatti  a compierla per primo con gli sci quando le Alpi erano coperte dalla neve, tra marzo e maggio del 1956.
Per Mattia Barlocco, Walter Bonatti è un mito inarrivabile, come per tutti quelli che vanno in montagna, ma la sua idea di traversata delle Alpi merita comunque di essere seguita e apprezzata. Attraverserà le Alpi in sella alla sua bicicletta da strada, valicando tutti i passi alpini. Un viaggio che sarebbe già lungo da fare in auto o in moto, figuriamoci in bici.

Abbiamo sentito Mattia, che a pochi giorni dalla partenza, ci racconta del suo imminente viaggio.

“Venerdì 2 agosto da Trieste inizierà finalmente la mia avventura – dice Mattia Barlocco - con l'obiettivo di coprire i 2085 km e 39.200 metri D+ in 13 giorni. L'arrivo a Nizza è quindi previsto per martedì 13 agosto mentre l'ultima tappa, mercoledì 14 agosto, mi porterà attraverso la "mia" Liguria a Bormida in provincia di Savona dove terminerà ufficialmente la mia Traversata delle Alpi.
In 12 occasioni attraverserò un confine di stato toccando così in più occasioni l'Italia, la Slovenia, l'Austria, la Svizzera e la Francia. I passi alpini in totale saranno 34 con i 2802 metri del Col de la Bonette come punto più alto toccato mentre la tappa con maggiore dislivello positivo sarà la numero 11, da Guillestre a Vinadio, che con i suoi 4200m di D+ mi porterà a scalare il Col de Vars, il Col de la Bonette e il Colle della Lombarda.
La tappa più lunga sara l'ultima da Nizza a Bormida con i suoi 180 km mentre la più corta sarà la numero 8 con i suoi 130 km da Briga fino ai 2473 metri del Passo del Gran San Bernardo.
La media giornaliera sarà di 160 km e circa 3000 metri di D+.
Cosa aggiungere se non che ce la metterò tutta sperando di essere all'altezza di tutto questo, di godermi a pieno la bellezza della fatica e la magia della montagna e di onorare al meglio chi ha creduto in questo progetto. La WAA Ultra, la Isostad Italia, la Wilier Triestina, Vitalia attraverso il suo programma di allenamento VAT, Cicli Mattio, il comune di Bormida e il BERG TEAM.”

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti