Siglato l'accordo per realizzare la ciclovia lungo il Canale Cavour tra Torino e Milano

Di GIANCARLO COSTA ,

In bicicletta lungo il canale Cavour (foto piemonteparchi)
In bicicletta lungo il canale Cavour (foto piemonteparchi)

Sempre più vicina la pista ciclabile sul canale Cavour. Dunque si avvicina anche la possibilità di coprire in bicicletta buona parte della distanza che separa Torino e Milano. Nei giorni scorsi, infatti, è stato siglato ufficialmente l'accordo di programma per la realizzazione della ciclostrada lungo gli 85 chilometri del canale che preleva le acque del Po a Chivasso e le rigetta - dopo aver abbeverato le risaie del vercellese-novarese - a Galliate, nel fiume Ticino. L'opera, vale la pena ricordarlo, fu realizzata in tre anni nel 1866 impiegando 14mila persone e divenendo un elemento di vitale importanza per l'agricoltura delle due regioni.

Il documento, che ufficializza quanto deliberato dalla Giunta regionale, è stato siglato tra la Regione Piemonte, la Città Metropolitana di Torino e le Province di Vercelli e Novara. Ad aderire all'accordo sono stati anche l'Ente Parco del Po e della Collina Torinese, l'Ente Parco del Ticino e del Lago Maggiore, l'Associazione di Irrigazione Ovest Sesia e l'Associazione Irrigazione Est Sesia e i rappresentanti della Coutenza Canali Cavour.

"Questo atto- ha detto l'assessora alla Cultura e al Turismo, Antonella Parigi - non è solamente formale, ma sancisce l'impegno di tutti gli enti coinvolti, in primis della Regione, a sostegno di questo progetto strategico per il nostro territorio e per lo sviluppo del cicloturismo. La firma del 27 gennaio scorso, pone inoltre le basi per una collaborazione efficace e operativa. Siamo già al lavoro per realizzare le fasi successive del progetto, e una volta conclusa la progettazione definitiva a cura della Città Metropolitana di Torino, passeremo alla valutazione del tratto della ciclostrada che verrà realizzato. Siamo una regione che ha molti valori naturali da preservare e dobbiamo fare ancora molto per implementare i servizi. Dopo il cicloturismo ci occuperemo di cammini, da sviluppare insieme a strutture turistiche di qualità".

Il protocollo affida dunque alla Città Metropolitana la stesura del progetto che dovrebbe essere pronto in pochi mesi: la ciclostrada sarà larga mediamente 3,4 metri. La Regione Piemonte investirà per questo progetto due degli 8 milioni euro che sono stati messi a bilancio per la realizzazione di ciclovie.

Fonte piemonteparchi

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Può interessarti