Pista ciclabile sulla via Cristoforo Colombo a Roma: una questione di vita o di morte

Di GIANCARLO COSTA ,

Cristoforo Colombo km 23,6 Largo Brante  Inizio di una pista ciclabile 3
Cristoforo Colombo km 23,6 Largo Brante Inizio di una pista ciclabile 3

Riceviamo e pubblichiamo una lettera aperta sul problema delle piste ciclabili a Roma da parte di Gianfranco Di Pretoro, Responsabile piste ciclabili e viabilità della Federazione Ciclistica Italiana-Lazio.

“Ancora una volta lamentiamo la morte di una nostra amica sulle strade in uscita dalla Capitale. Ancora  dobbiamo trasmettere alla famiglia le nostre condoglianze. Ancora una volta, resto impotente di fronte a tale scempio. Amministratori di Roma Capitale,della Regione Lazio perchè ci lasciate in balia dei motorizzati. Ci convocate per eloquenti chiacchierate, ci promettete tante rastregliere a cui alcuni di noi non tengono proprio e ci lasciate soli sulle strade, senza nemmeno una linea per Terra. La Vostra ignavia, caratterizzata da una lentezza drammatica nel considerarci come tutti gli utenti della strada, la vostra benevolenza verso chi usa in modo  scellerato il telefonino mentre guida, gli scarsi controlli sulle strade in uscita dalla citta’ e la sordita’ verso i consigli più volte inviati dalla FCI-Lazio, Vi rendono complici di tali omicidi. Non ho più parole per trasmettere lo sconforto dei nostri tesserati.

E’ ora di farla finita con la mobilita’ a senso unico. Noi ciclisti, siamo gli stessi che andiamo a prendere il pane al supermercato con la bici ed a pedalare tra i colori della natura intorno a Roma. Senza parlare, poi, dei tanti pedalatori stranieri che si attendono, vista la loro provenienza, strade ciclisticamente più vivibili.

Per quanto riguarda la Cristoforo Colombo, vista  la disponibilita’ di terreno laterale, abbiamo chiesto più volte la pista ciclabile. Naturalmente, tutto senza risposta. E’ mai possibile che i signori tecnici non si rendano conto dei pericoli che corriamo? Appena dopo il GRA (Gran Raccordo Anulare) basta congiungersi alla parallela pista ciclabile, lo stesso dicasi lungo la salita della Pineta di Roma. Dopo Casal Palocco la pista ciclabile c’è ma manca la sua pulizia. Dove non esiste la pista ciclabile, in attesa che la si faccia, almeno si collochi la “BANDA RUMOROSA”salvavita  sulla linea che delimita la corsia di emergenza e la presenza della segnaletica verticale”pericolo-presenza di ciclisti”. Basta con monotona giustificazione “non ci sono soldi”. Trovateli attraverso le multe alle auto parcheggiate in doppia fila.

Ci auguriamo di vedere le azioni concrete sulla strada perchè di chiacchiere ne abbiamo fatte troppe e la nostra pelle vale almeno quanto quella degli automobilisti, anzi, sicuramente di più!”

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Può interessarti