Goodbike: il concerto eco-sostenibile dei Tetes de Bois sul palco a pedali

Di GIANCARLO COSTA ,

I Tetes de Bois con il supporto che trasforma le pedalate in energia elettrica
I Tetes de Bois con il supporto che trasforma le pedalate in energia elettrica

Crisi energetica, prezzi alle stelle dei carburanti, ricerca delle energie innovabili alternative. Eppure la soluzione è quotidianamente sotto i nostri occhi: la bicicletta. La bicicletta è un veicolo a propulsione muscolare umana, serve per spostamenti più o meno lunghi, dall’andar a far la spesa nell’altro isolato all’attraversare gli Stati Uniti, come si fa con la Race Across America, una gara no-stop dall’Oceano Pacifico all’Oceano Atlantico. Ma non solo movimento con la bici, si può anche generare energia elettrica. Ed è quello che hanno pensato i Tetes de Bois, gruppo musicale romano, che si è esibito per circa due ore a Bari in un concerto la cui energia è stata fornita solo dai muscoli dei ciclisti che si sono alternati sui veicoli collegati tutti da una dinamo all’alimentatore del palco. 128 le biciclette in questione, sul lungomare barese in Piazza Diaz. Il concerto è stato replicato a Roma.

Città grandi e piccole intasate da automobili che vanno con carburante che galoppa verso i 2 Euro al litro (le vecchie 4000 Lire). Forse la bicicletta potrebbe diventare un ottimo paracadute per salvaguardare la salute (meglio un’ora di bici all’aperto o un’ora di spinning in una palestra con l’aria condizionata?) e il portafoglio, visto quanto pesano i costi per il trasporto urbano o extra per ognuno di noi. Adesso i Tetes de Bois hanno acceso anche le lampadine, speriamo serva per illuminare la via…

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Può interessarti