Cicloturismo in Trentino: e-bike e mountain bike per scoprire le Valli Giudicarie

Di GIANCARLO COSTA ,

Cicloturismo nelle Valli Giudicarie in Trentino (foto Daniele Molineris) (6)
Cicloturismo nelle Valli Giudicarie in Trentino (foto Daniele Molineris) (6)

Le Valli Giudicarie sono quella zona del Trentino sud-occidentale che comprende l’alto corso del torrente Sarca immissario del lago di Garda, dalla sorgente nell’alta Val Rendena fino alla forra del Limarò (quota 270m) e del Chiese fino al suo sbocco nel lago d’Idro. Il punto più elevato del territorio è la Cima Presanella a quota 3558 metri.

E-bike per cicloturismo nelle Valli Giudicarie

Grazie alle moderne e-bike, bici a pedalata assistita, si possono affrontare con disinvoltura anche i percorsi più impegnativi. Le e-bike si possono noleggiare in zona e volendo si può essere anche accompagnati da una guida esperta, per un divertimento assicurato tra le bellezze delle Giudicarie, da scoprire in maniera del tutto nuova.

IL GIRO DELLE MALGHE, PER I BOSCHI CON L’E-BIKE

Uno degli itinerari più interessanti da compiere con l’e-bike è il cosiddetto “giro delle 4 malghe”. La maggior parte di esse sono tuttora in funzione e utilizzate per l’alpeggio estivo delle mucche. Le principali, collegate tramite suggestivi sentieri, sono: Malga Cengledino (quota 1667m), situata al confine con il Parco Naturale Adamello Brenta è posta su un costone panoramico dell’omonimo monte e da qui si può raggiungere Malga Lodranega (quota 1617m). Successivamente passando nella selvaggia Val di Breguzzo si arriva a Malga D’Arnò (quota 1575m) che offre una splendida vista sul Gruppo dell’Adamello con il Passo del Frate e la Cima Cop di Breguzzo. Passando poi al lato opposto, si può giungere infine a Malga Gavardina (quota 1333m) ristrutturata di recente.
Durante l’estate, è possibile anche acquistare il prelibato formaggio di malga un formaggio genuino e prodotto assolutamente nel rispetto del biologico e del km 0, anzi del metro 0.

Dolomiti di Brenta Bike

Per gli amanti della mountain bike esistono numerose strade forestali e sentieri di montagna che permettono di visitare itinerari che altrimenti non si avrebbe modo di conoscere. Da non dimenticare poi il percorso Dolomiti di Brenta Bike, per il quale le Valli Giudicarie Centrali sono un punto di partenza ottimale!

Il Dolomiti di Brenta Bike (DBB) è il maggiore bike tour attorno alle Dolomiti di Brenta adatto a soddisfare sia il biker amatoriale e tranquillo che il vero sportivo e si divide in due circuiti: il Dolomiti di Brenta Bike expert e il Dolomiti di Brenta Bike country.

Il Dolomiti di Brenta Bike expert è l'itinerario per lo sportivo esigente: sterrato, sentieri, salite impegnative, quote elevate (fino a 2300m) e discese mozzafiato: 171 km di puro MTB e 7700 metri di dislivello totale. Ed ancora i percorsi d'ambito, selezionati per chi vuol regalarsi vere emozioni!

Il Dolomiti di Brenta Bike country è l'itinerario per gli appassionati: ciclabili, sterrati in sicurezza quote modeste (ma pur sempre in montagna, fino a 1800m) spazi aperti, fondovalle verdeggianti, borghi rurali: 136 km di puro MTB e 4600 metri di dislivello totale.
Inoltre, per entrambi i percorsi, i servizi di mobilità integrata presenti (bike-taxi, bike-shuttle, bici-bus, bici-treno) permetteranno di organizzare al meglio il tour: superare i tratti più impegnativi, trasportare i bagagli o semplicemente la garanzia di un servizio pronto ed affidabile per qualsiasi evenienza.

Per altre informazioni www.visitgiudicarie.it

Articolo Publiredazionale

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti