Mondiali MTB: Titoli juniores ad Austria e Germania, Kevin Pezzo Rosola e Nicole Pesse i migliori azzurrini

Di GIANCARLO COSTA ,

Le condizioni del Mondiale Junior di Leogang (fonte federciclismo)
Le condizioni del Mondiale Junior di Leogang (fonte federciclismo)

Giornata riservata alla categoria Juniores, quella appena conclusa a Leogang, palcoscenico dell'edizione 2020 dei Campionati Mondiali MTB. I giovani riders, dopo le pesanti piogge di ieri, sono stati accolti sul tracciato austriaco da un timido sole che ha asciugato solo in parte il fangoso tracciato di gara.
Le prime a partire sono state le ragazze, 47 atlete che hanno preso il via alle 13.30: a raccogliere lo scettro di reginetta d'Europa XCO è la favorita di casa, l'austriaca Mona Mitterwallner, che non ha mai lasciato spazio di manovra alle avversarie e si è andata a conquistare una medaglia d'oro mai messa in discussione. Dietro di lei il fango ha mescolato le carte: con l'Olanda fuori dai giochi, a contendersi l'argento sono state la tedesca Bauerman e la ceca Novotna, rispettivamente seconda e terza a fine gara.

Per quanto riguarda le azzurre, ci ha provato sul serio Nicole Pesse, ieri argento col Team Relay ed oggi in ottava posizione fino al terzo giro del circuito: purtroppo nel round finale una caduta l'ha fatta precipitare alla diciassettesima posizione, facendole perdere oltre 5 minuti. Ventesima posizione per Noemi Plankensteiner, 39esima Giulia Challancin.

Gara maschile Mondiali Junior MTB

Il tedesco Lennart-Jan Krayer vince in maniera nettissima la gara dedicata agli juniores dei Mondiali di mountain bike in corso di svolgimento a di Leogang (Austria). Il giovane teutonico non parte fortissimo, tanto che al termine del primo giro è solo in nona posizione. Ma grazie a un ritmo alto e costante, riesce a risalire fino a raggiungere la testa della corsa al termine del terzo giro del tracciato. Duello finale per la maglia iridata tra il tedesco e lo svizzero Janis Baumann: Krayer attacca alla fine delle terza tornata, staccando l’elvetico e andando a trionfare il solitaria mentre Baumann si deve accontentare della medaglia d’argento giungendo all’arrivo con 40” dal nuovo campione del mondo. Chiude il podio il francese Luca Martin, che ha la meglio praticamente all’ultimo respiro sullo statunitense Riley Amos.
Non buonissima la prova degli azzurri: il migliore della selezione di Mirko Celestino è Kevin Pezzo Rosola, che termina la sua prova al 30° posto con 12’32” di ritardo dal vincitore. Filippo Agostinacchio (argento col Team Relay) si accontenta della 34esima piazza a 13’37” dal campione del mondo. Gli italiani a chiudere la gara con un giro di ritardo sono: Matteo Siffredi (44°), Lorenzo Trinchieri (49°) e Yannik Parisi (52°). Con due tornate di ritardo arriva poi Michael Pecis (66°).

Fonte Federciclismo

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti