Granfondo Liotto – Città di Valdagno (VI): un mese al via, 2 percorsi e attenzione all’ambiente

Di GIANCARLO COSTA ,

salita_torreselle.jpg (foto newspower)
salita_torreselle.jpg (foto newspower)

La qualità di una granfondo si vede anche dalla cura per i dettagli. Il prossimo 15 aprile la 14.a Granfondo Liotto – Città di Valdagno non lascerà nulla al caso, oltre all’attenzione posta come sempre ai percorsi e ai servizi, lo staff capeggiato dai fratelli Liotto sta anche pensando a qualche…buona novità da offrire ai partecipanti.

La granfondo vicentina metterà in tavola, è proprio il caso di dirlo, dei ristori curati al massimo e un pasta party da ristorante. A cucinare all’arrivo, collocato come lo scorso aprile in Piazza Cavour, in pieno centro a Valdagno, ci sarà infatti un’equipe di cinque cuochi professionisti, che nella cucina mobile attrezzata per l’occasione preparerà i piatti caldi del ristoro finale.

Un’altra novità alimentare è quella collegata al rispetto dell’ambiente e dell’ecologia, alla Granfondo Liotto – Città di Valdagno si cercherà di ridurre al minimo i rifiuti in plastica, grazie all’erogatore di acqua naturale e gassata allestito al pasta party finale, dove i concorrenti potranno servirsi “al bicchiere”. Cura particolare ci sarà anche per i ristori lungo i percorsi, l’obiettivo è infatti quello di evitare gli sprechi e diminuire la produzione di rifiuti, anche grazie all’abolizione dei rifornimenti volanti.

Tutte queste iniziative rappresentano un valore aggiunto della 14.a Granfondo Liotto – Città di Valdagno, gara apprezzata dagli appassionati e dai fuoriclasse di settore e che, ad oggi, ha già raggiunto i 1.600 iscritti.

In attesa dello start il contatore dei partecipanti sta salendo rapidamente, e lo farà soprattutto nei prossimi giorni visto che, fino al 31 marzo, la quota d’iscrizione sarà di 30 Euro, anziché 40 come nei giorni successivi (fino al 15 aprile).

La Granfondo Liotto – Città di Valdagno è appuntamento inaugurale della stagione agonistica del Triveneto, gli appassionati del pedale potranno scegliere tra il Mediofondo di 102 km e 1450 m/dsl, impegnativo ma pedalabile anche per chi è alle prime uscite, e il Granfondo di 130 km con un dislivello di 2500 metri.

I percorsi sono gli stessi affrontati nella gara dello scorso aprile, caratterizzati da saliscendi continui dove resistenza, forza e concentrazione devono essere sempre al massimo. Sia mediofondisti che granfondisti scaleranno le salite di Passo Xon, di Monte Magrè e di Torreselle, tutte con pendenze medie oltre il 6%. La salita del Castelvecchio (7,8 km e 10% di pendenza massima) è prevista solo per chi sceglierà il percorso lungo, così come la mitica “Trappola”, lunga 12 km con punte al 20%. Il Mediofondo concluderà invece le fatiche all’insù con la salita del Castello, ultima in tabella di marcia, di 3,3 km e pendenza media al 7%, una parentesi selettiva e spettacolare.

Alla granfondo vicentina troverà terreno fertile soprattutto il ciclismo femminile, subito dopo la griglia di merito sarà infatti collocata quella speciale riservata a tutte le “ladies” iscritte.

La Granfondo Liotto della prossima primavera, valida per la quarta volta come Memorial Gino Liotto, sarà di nuovo prima tappa del Challenge Giordana, circuito composto da sei granfondo tra Veneto, Trentino e Lombardia, giunto alla terza edizione. Oltre alla riconferma nel Challenge Giordana, la Granfondo Liotto – Città da Valdagno sarà anche 1.a prova del Campionato provinciale Udace e 4.a tappa del Campionato Italiano Granfondo e Mediofondo Udace.

Per gli atleti sono disponibili varie soluzioni di soggiorno, per coniugare la partecipazione alla gara con una piacevole vacanza nel vicentino, maggiori informazioni in merito sono riportate nella sezione “Alberghi” del sito www.granfondoliotto.it, con prezzi e recapiti di alcune strutture convenzionate.

Info: www.granfondoliotto.it

Fonte Newspower

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Può interessarti