Giro Valle d’Aosta: l’olandese Kevin Inkelaar vince in Valsavarenche, maglia gialla al francese Jérémy Bellicaud

Di GIANCARLO COSTA ,

L’olandese  Kevin Inkelaar vince la tappa Aymavilles Pont Valsavarenche
L’olandese Kevin Inkelaar vince la tappa Aymavilles Pont Valsavarenche

La prima tappa in linea in territorio valdostano è stata la Aymavilles – Pont Valsavarenche di 138 chilometri, farciti con 3 GPM principali e altre numerose variazioni di pendenza brevi ma non banali. Dopo il “terremoto” della prima tappa, i favoriti della vigilia dovevano necessariamente cambiare la chiave di lettura della corsa e le loro intenzioni si sono ben presto palesate sin dai primi chilometri dopo il via. Avvio tiratissimo, dunque, e poco spazio per le fughe con alcuni “big” a tentare l’allungo. L’azione decisiva, però, parte intorno al chilometro 50 grazie all’impulso di Buitrago (Team Cinelli) e Lavric (Dimension Data For Qhubeka) ai quali, ben presto, si uniscono tra gli altri Scaroni (Groupama FDJ), Bellicaud (Bourgogne Franche Comté) e altri. Alle loro spalle, sulla salita verso Doues, si scatena la bagarre e Inkelaar (Groupama FDJ), Oldani (Kometa Cycling Team), Monaco (Casillo Maserati) e Conca (Biesse Carrera) partono in caccia agganciando i fuggitivi. La corsa si anima con il passare dei chilometri, la fuga acquista vantaggio e verso il GPM di Verrogne tra i fuggitivi si inseriscono altri due pezzi da novanta come il colombiano Rubio (Cucine Aran Vejus) e Sanchez Lopez (Kometa Cycling Team). La tappa si decide dopo il tratto sterrato di Chèvrere, con Inkelaar a fare il forcing e a salutare ben presto la compagnia dei fuggitivi via via scrematosi. Verso Valsavarenche il portacolori della Groupama FDJ fa il vuoto, imponendosi sul traguardo di Pont e dimostrando chiaramente le sue velleità per le tappe a venire. Alle sue spalle giungono a 2’ e 44” il terzetto composto da Stefano Oldani (Kometa Cycling Team), Hailemichael Mulu Kimfe (Dimension Data For Qhubeka) e Filippo Conca (Biesse Carrera). A seguire tutti gli altri con In grave ritardo la maglia gialla Ide Schelling (SEG Racing Academy). La classifica generale cambia, con la nuova maglia gialla al francese Jérémy Bellicaud (Bourgogne Franche Comté) che precede di 1’01” Mauri Vansevenant (EFC L&R Vulsteke) e Adam Hartley (SEG Racing Academy) di 2’20”. Dopo la difficile giornata di ieri, quindi, rientrano nella top ten il vincitore di oggi Kevin Inkelaar e gli italiani Oldani e Conca. Il tedesco Schelling conserva la maglia dei GPM e della classifica a punti, mentre Simon Gugliemi (Groupama FDJ) resta leader degli sprint cash.

Fonte girovalledaosta

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti