Giro d’Italia: a Milano poker di Filippo Ganna, la maglia Rosa a Tao Geoghegan Hart, settebello della Ineos

Di GIANCARLO COSTA ,

Podio finale del Giro d'Italia (foto federciclismo)
Podio finale del Giro d'Italia (foto federciclismo)

Il finale più emozionante della storia delle 103 edizioni del Giro d’Italia, con 2 ciclisti che arrivano con lo stesso tempo all’ultima tappa, che è una cronometro, ha emesso il suo verdetto. Non si potevano assegnare 2 maglie Rosa, come in tanti avrebbero voluto, ma l’ultima tappa con il testa a testa a cronometro, senza giochi di squadra, ha decretato un vincitore, il britannico Tao Geoghegan Hart del Team Ineos Grenadiers e un secondo, l’australiano Jai Hindley del Team Sunweb. La cronometro di 15 km, da Cernusco sul Naviglio a Milano Piazza Duomo, è stata vinta dal piemontese Filippo Ganna, Campione del Mondo a Cronometro, che con questa fa poker di vittorie all’esordio al Giro d’Italia. Il Team Ineos Granadiers cala invece il settebello, sono cioè ben 7 le vittorie dello squadrone britannico, che perso il suo capitano Geraint Thomas per la caduta alla partenza di Enna, ha saputo reinventare la strategia di corsa, prima con le vittorie di tappa e poi puntando su Tao Geoghegan Hart per la classifica generale, che a sua volta ha sorpreso tutti, vincendo 2 tappe, la maglia Bianca di miglior giovane e qualla più ambita, la maglia Rosa.
Filippo Ganna vince quindi la cronometro Cernusco sul Naviglio - Milano in 17’16”, a 32” si piazzano Victor Campenaerts 2° e il formidabile Rohan Dennis sempre del Team Ineos Grenadiers di questo finale di Giro.

In classifica generale, maglia Rosa a Tao Geoghegan Hart in 85h40’21”, 2° Jai Hindley a 39", 3° Wilco Kelderman a 1'29", 4° João Almeida che recupera una posizione con la crono finale e dopo 15 giorni in maglia Rosa arriva comunque quarto a 2'57", 5° Pello Bilbao a 3'09", 6° Jakob Fuglsang a 7’02”, 7° Vincenzo Nibali a 8’15” ancora una volta primo degli italiani in gara, 8° Patrick Konrad a 8’42”, 9° Fausto Masnada a 9’57”, 10° Hermann Pernsteiner a 11’05” e 11° Domenico Pozzovivo a 11’52”.
La maglia Ciclamino, leader della classifica a punti, è vinta da Arnaud Démare della Groupama – FDJ, la maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, va a Ruben Guerreiro della EF Pro Cycling.

Il vincitore del Giro d’Italia Tao Geoghegan Hart, ha dichiarato: "È incredibile! Non avrei mai immaginato che avrei vinto il Giro quando siamo partiti dalla Sicilia. Per tutta la mia carriera ho sognato di essere tra i primi 10 o tra i primi 5 in una gara come questa. Durante la crono il mio DS mi ha detto che stavo guadagnando su Jay Hindley, poi quando mi hanno chiesto di non correre rischi nella parte finale ho capito che ero vicino alla vittoria".

Un commosso Filippo Ganna, vincitore di tappa, ha dichiarato: “Sono felice di aver vinto questa crono ma sono ancora più felice per il mio compagno di squadra Tao, è fantastico, ha vinto il Giro! Sapevo che avrebbe potuto farcela. Adesso non vedo l'ora di festeggiare le nostre vittorie questa sera con Tao e con tutto il team Ineos".

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti